Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
19 luglio 2013 5 19 /07 /luglio /2013 21:47
Intervista a Sara Rattaro, autrice di "Non volare via"

Due lauree, una in ambito scientifico e un’altra in quello della comunicazione e poi la scrittura. Una vita ricca di esperienze e di scelte. Ce ne vuoi parlare?

Più che altro è la vita di una che non ha capito in fretta cosa voleva fare da grande così ne ho provate diverse con più o meno successo. La scrittura ha finalmente placato la mia ansia e ora so cosa voglio fare: scrivere.

Possiamo dire che la scrittura, per te, non è più solo un hobby, ma un mestiere vero e proprio?

Certo! Lo è eccome. Scrivere e promuovere un romanzo è un vero e proprio lavoro con scadenze, appuntamenti e tanto impegno.

Dopo “Un uso qualunque di te” hai scritto un altro romanzo (Non volare via – Garzanti) in cui l’essere umano, sia uomo o donna, deve confrontarsi con le proprie debolezze, con le scelte del passato e con quelle presenti e, soprattutto con le persone che con lui condividono la quotidianità. Leggendo i tuoi romanzi si direbbe appunto che ciò che vuoi raccontare è l’animo umano, è così? E qual è il lavoro che fai per rendere veri i tuoi personaggi?

Si, l’animo umano è il mio vero protagonista con i suoi limiti e la sue forze. Il lavoro migliore che faccio per rendere i miei personaggi credibili sulla carta è quello di osservare e ascoltare le persone vere. Lo faccio da moltissimo tempo e soprattutto cerco di capire cosa farei io se mi trovassi in certe situazioni. È un ottimo esercizio di comprensione.

La voce narrante di “Non volare via” è Alberto, il papà di Matteo e Alice e il marito di Sandra. Perché hai fatto questa scelta ed è stato difficile entrare nel mondo maschile?

Ho accettato la sfida, con me stessa, di dimostrarmi che sapevo fare la narratrice e che potevo spaziare anche in campi meno immediati di quelli che ho a disposizione. Quando ho iniziato a scrivere Alberto sono stata assalita dalla paura di non farcela e che lui parlasse al femminile in un modo poco credibile. Poi ho capito che se avessi messo d’accordo la paura che provavo di non farcela alla voglia di superarmi, avrei raccontato un uomo autentico.

E Matteo? Chi è? Vuoi spiegarlo ai nostri lettori?

Un ragazzino che ci dimostra che per essere straordinari non è necessario essere perfetti ma avere vicino qualcuno di cui fidarsi.

Da libraia le chiedo quali sono le storie che la attraggono quando deve scegliere cosa leggere?

Amo leggere le storie che avrei voluto scrivere, i grandi romanzi con trame che affrontano il quotidiano e le sue asperità, che parlano di vita. Mi rammarico di arrivare seconda ma questo lo trovo stimolante.

Puoi consigliare ai nostri lettori, giovani e meno giovani, qualche lettura per l’estate?

Vi consiglio “Borgo Proprizio” di Loredana Limone

“Buona Fortuna” di Barbara Fiorio

“La bambina con i capelli di luce e di vento” di Laura Bonalumi.

Tre storie bellissime, tutte da leggere!!

grazie

Intervista a Sara Rattaro, autrice di "Non volare via"

Condividi post

Repost 0
Published by Libreria Liberalibro - in Interviste
scrivi un commento

commenti

google cloud storage 03/18/2014 13:51

I recommend this book to all those who are interested in reading novels. I really liked the book a lot and the author Sara Rattaro has done a great job in it. Thanks for sharing the interview with her. It is interesting to go through.

Libreria Liberalibro

Via Marconi 6
36078 Valdagno (Vi)
tel 0445 402293
mail: liberalibro.libreria@gmail.com


Siamo anche su

 FACEBOOK!

La libreria

liberalibro2

 

liberalibro1

Link