Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
13 settembre 2012 4 13 /09 /settembre /2012 00:04

KLIUzDggp2Q8 s4-m

Dobbiamo necessariamente trovare il tempo di fermarci e di offrire ai nostri figli la possibilità di stare con noi e contemporaneamente di parlare con noi.

Ma parlare di cosa? Di quello che hanno fatto? Di quello che faranno? Dei giochi? Dei programmi? Della scuola? Di televisione?

Potrei continuare offrendo esempi sui molteplici contenuti con cui spesso riempiamo le nostre conversazioni, orientati da uno stile sociale che ci invade di incombenze pratiche.

Forse, però, troppo poco ci chiediamo: Come stai? Come ti senti? Sei triste? Sei allegro? Sei soddisfatto di come sono andate le cose oggi? Raccontami quello che è successo e quello che avresti voluto succedesse … E anche qui le domande potrebbero essere infinite.

La differenza in cosa consiste?

Nelle prime indago sul fare, nelle seconde sul sentire. La diversità è abissale, perché sono completamente diversi i piani d’indagine, di riflessione.

Ecco, io credo sia importante spostare il contenuto delle conversazioni in quest’ultima direzione, per dare al bambino la possibilità di esprimere i suoi sentimenti, i suoi pensieri , le emozioni, siano esse  positive o negative.

A noi il compito, poi, di guidarlo in questo viaggio, magari cogliendo l’occasione per proporre a nostro figlio i nostri valori, perché qualcuno deve farlo e se il genitore non adempie a questo delicato e fondamentale compito, lascia un vuoto educativo che verrà riempito da altri.

Altro problema che possiamo porci è il seguente: come fare a introdurre queste conversazioni così intime e così poco superficiali? In fondo si parla di bambini.

Ebbene, le storie ci vengono in aiuto. I libri sono una fonte inesauribile di spunti per il dialogo profondo. Intanto perché i temi sono trattati in mondi a misura di bambino ( i personaggi e le storie sono tarati per ogni età e possiamo  scegliere  accuratamente tra le varie proposte) e le tematiche sono quelle dell’infanzia. Lo sanno bene gli scrittori che affrontano tanti problemi e lo fanno entrando nell’universo dei piccoli ed esplorandolo con maestria!

Immagine1-copia-1


Allora prendiamo un libro e cominciamo a leggerlo a voce alta al nostro bambino.Poi aiutiamolo a capire non solo la storia, ma  anche le possibilità che la storia stessa può regalarci: sono queste le conversazioni del cuore.

Il personaggio ti assomiglia?


Ti senti uguale a lui?

Sei coraggioso come lui o hai paura. Quando?

 

Si aprono porte mai attraversate e il libro si trasforma in un’opportunità, un’occasione da non perdere: stare con il proprio figlio, donargli un tempo sano e parlargli di sentimenti.

Non mi sembra poca cosa!


Allora buona lettura e… buona qualità di vita!                                                         

                                                          Mariella Lunardi

 

Condividi post

Repost 0
Published by Libreria Liberalibro - in La rubrica di Mariella Lunardi
scrivi un commento

commenti

Libreria Liberalibro

Via Marconi 6
36078 Valdagno (Vi)
tel 0445 402293
mail: liberalibro.libreria@gmail.com


Siamo anche su

 FACEBOOK!

La libreria

liberalibro2

 

liberalibro1

Link