Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
29 agosto 2013 4 29 /08 /agosto /2013 14:35

Natasa Dragnic si era affacciata al mondo della letteratura un paio d'anni fa, quando aveva esordito con "Ogni giorno, ogni ora", un romanzo d'amore. Il sentimento raccontato in quel primo libro, però, non era un amore felice e appassionato, sdolcinato, ma piuttosto il tentativo di due cuori di riuscire a stare vicini, assieme. Tentativo che non è riuscito a far sbocciare la felicità, non del tutto.


Ora Natasa prova a bissare quel successo con "Ancora una volta il mare", un libro che sicuramente attinge a piene mani dal suo predecessore, riuscendo però a creare qualcosa di diverso.

La storia ruota attorno a tre sorelle, alla loro famiglia e al loro amore per uno stesso uomo, Alessandro. Questo sentimento condiviso sarà ovviamente la causa di profondi cambiamenti nella vita di tutti e il motore che permetterà di scoperchiare emozioni e pensieri lasciati troppo a lungo sopiti.

Anche in questo caso ci troviamo dinanzi a una storia che racconta di un amore non facile, anzi, piuttosto burrascoso e astioso, ma con una particolarità: fin dall'inizio sappiamo che una delle tre sorelle riuscirà a sposare Alessandro. Chi? Roberta, Lucia o Nannina?
Lo si scoprirà solo alla fine, e forse proprio per questo motivo non si riesce a staccare gli occhi dai capitoli, che corrono in bilico tra il passato e il presente, che ci raccontano le peripezie di tre giovani donne, dei loro amori e della loro famiglia.
Già, la famiglia. L'altro punto fondamentale del romanzo. La famiglia è qui un piccolo affresco che mostra il grande amore che può esserci tra le persone, ma anche gli infiniti e terribili sbagli che si possono commettere come genitori, amanti o figli. Questa famiglia ci mostra le gioie e i dolori della vita, ci accompagna in un percorso che parte dalla nascita e arriva alla morte. Ci mostra entrambi i lati della medaglia, quei lati che ognuno di noi è destinato a vedere, in un modo o nell'altro. E il tutto è ben 'pennellato', dallo stile poetico della Dragnic, quello stesso stile che aveva reso forte il primo romanzo, che usa frasi brevi, pensieri, che mescola la narrativa alla musicalità, rendendo certi capitoli quasi una poesia.

"Ancora una volta il mare" è un romanzo che fila via liscio, che parla d'amore partendo dal dolore e dalla rabbia e che utilizza una scrittura emotiva e coinvolgente. E come il mare, ci mostra che la vita è calma... e tempesta.

Condividi post

Repost 0
Published by Libreria Liberalibro - in Narrativa contemporanea
scrivi un commento

commenti

Libreria Liberalibro

Via Marconi 6
36078 Valdagno (Vi)
tel 0445 402293
mail: liberalibro.libreria@gmail.com


Siamo anche su

 FACEBOOK!

La libreria

liberalibro2

 

liberalibro1

Link